info@salutesicilia.com

Anti-aging: scoperto un trucco da un integratore

Nelle cellule umane, i telomeri accorciati, i cappucci protettivi alle estremità dei cromosomi, sono entrambi un segno di invecchiamento e contribuiscono ad esso. Gli scienziati della Emory University School of Medicine hanno scoperto che l’integratore alimentare acido alfa-lipoico (ALA) può stimolare la telomerasi, l’enzima che allunga i telomeri dei cromosomi, con effetti positivi in ​​un modello murino di aterosclerosi. La scoperta evidenzia una potenziale strada per il trattamento delle malattie croniche, ed i risultati sono stati pubblicati sulla rivista Cell Reports. “L’acido alfa-lipoico ha un ruolo essenziale nei mitocondri, gli elementi generatori di energia della cellula. È ampiamente disponibile ed è stato definito un antiossidante naturale, ma gli effetti dell’ALA negli studi clinici sull’uomo sono stati un miscuglio di dati poco chiari”, dice l’autore senior Wayne Alexander, MD, PhD, professore di Medicina presso la Emory University School of Medicine. L’ALA sembra esercitare i suoi effetti contro l’aterosclerosi stimolando le cellule muscolari lisce che circondano i vasi sanguigni per produrre PGC1-alfa (co-attivatore del recettore perossisomale-1). PGC1-alfa è già ben noto agli scienziati come controllore di come i muscoli scheletrici rispondono all’esercizio. Mentre i ricercatori di Emory non hanno direttamente valutato gli effetti dell’esercizio fisico nei loro esperimenti, i loro risultati forniscono indizi molecolari su come l’esercizio possa rallentare gli effetti dell’invecchiamento o della malattia cronica in alcuni tipi di cellule.

“Gli effetti delle malattie croniche come l’aterosclerosi e il diabete sui vasi sanguigni possono essere ricondotti all’accorciamento dei telomeri”, afferma Alexander. “Ciò significa che i trattamenti che possono ripristinare telomeri sani hanno un grande potenziale per la Medicina anti-aging. La novità è che dimostriamo che PGC1-alfa sta regolando la telomerasi e che ha effetti benefici reali sullo stress cellulare in un modello murino di aterosclerosi”, dice Shiqin Xiong, PhD, istruttore nella divisione di cardiologia e primo autore del lavoro. Xiong e Alexander hanno utilizzato un modello di aterosclerosi in cui i topi mancavano del gene di trasformazione del colesterolo ApoE e sono stati nutriti con una dieta ricca di grassi. In questo modello, i topi privi di PGC1-alfa hanno placche più avanzate nei loro vasi sanguigni, ma solo negli animali più anziani. Coerentemente con lo stato più povero dei loro vasi sanguigni, le cellule aortiche dei topi con PGC1-alfa-interrotto avevano telomeri più corti e ridotta attività della telomerasi. Avendo accorciato i telomeri ha portato le cellule muscolari lisce a mostrare più stress ossidativo e danni al resto del loro DNA. Gli autori spiegano che l’introduzione di PGC1-alfa nelle cellule muscolari lisce vascolari prive di tale gene, con un adenovirus da terapia genica, potrebbe ripristinare l’attività della telomerasi e ritardare l’invecchiamento delle cellule.

La telomerasi è disattivata nella maggior parte dei tipi di cellule sane e si attiva solo quando le cellule proliferano. Poiché la telomerasi è attiva nelle cellule tumorali e consente la loro continua crescita, i ricercatori sono preoccupati che la stimolazione della telomerasi in tutte le cellule possa favorire la crescita del cancro o avere altri effetti avversi. Come modo per aumentare più convenientemente il PGC1-alfa nelle cellule, Xiong e Alexander si trasformarono in acido alfa lipoico. L’ALA è un acido grasso ricco di zolfo utilizzato per il trattamento della neuropatia diabetica e in precedenza ha dimostrato di combattere l’aterosclerosi in modelli animali. Trattare cellule muscolari lisce isolate con ALA per un giorno potrebbe stimolare sia PGC1-alfa che telomerasi. Gli effetti dell’ALA sulle cellule muscolari lisce vascolari potrebbero essere visti anche quando è stato iniettato nei topi. Il team di ricerca ora sta studiando gli effetti dell’ALA su altri tessuti nei topi. Non hanno osservato un aumento dei tumori nei topi trattati con ALA, ma affermano che è necessaria un’indagine più approfondita per valutare appieno il rischio di tumore. Commenta Xiong: “Mentre l’ALA è presente in molti alimenti e i suoi effetti nei modelli animali sembrano promettenti, potrebbe essere problematico per l’uso clinico, a causa della sua scarsa solubilità, stabilità e biodisponibilità. Stiamo progettando nuovi modi per formulare e fornire composti correlati per risolvere questi problemi”.

L’acido lipoico lo sintetizziamo nel nostro organismo ed è efficace come antiossidante. Non è tossico ed è distribuito come integratore alimentare. In fondo, i segreti del corpo, sono nel nostro corpo….

– a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, medico specialista in Biochimica Clinica.

 

Bibliografia

Mendelsohn AR, Larrick JW. Rejuvenation Res. 2015 Oct; 18(5):479-83.

Wood SH et al. Genome Biol. 2015 Dec 22; 16:285. 

Finlay LA et al. Am J Physiol Regul Integr Comp Physiol. 2012; 302(5):R587-97

Irwin MH et al. Drug Dev Res. 2016 May;77(3):109-23. 

Ait-Ghezala G et al. Altern Ther Health Med. 2016 Jun;22 Suppl 2:6-14.

Tibullo D et al. Inflamm Res. 2017 Nov;66(11):947-959.