info@salutesicilia.com

Sindrome della fatica cronica: il microbiota come nuovo fattore causale

a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, specialista in Biochimica Clinica.

La sindrome da stanchezza cronica (CFS) è una condizione caratterizzata da fatica estrema che non migliora con il riposo. Oltre alla stanchezza persistente, i sintomi utilizzati per diagnosticare la CFS includono sonno non riposante, mal di testa, dolori articolari, mal di gola, linfonodi teneri nel collo o nelle ascelle, problemi di concentrazione e memoria e grave debolezza dopo l'esercizio fisico o lo sforzo mentale. Una diagnosi di CFS può essere effettuata se quattro o più di questi sintomi durano 6 mesi o più. Altri sintomi della condizione possono includere problemi visivi, vertigini o svenimenti, stordimento e intestino irritabile. Le donne hanno due o quattro volte maggiori probabilità di sviluppare CFS rispetto agli uomini. Mentre i bambini possono sviluppare CFS, ciò è molto meno comune che per gli adulti. Attualmente non esistono trattamenti per CFS approvati dalla Food and Drug Administration (FDA).

Poiché i sintomi di CFS sono molto simili a quelli di altre malattie, la condizione può essere difficile da diagnosticare. In quanto tale, non è chiaro quante persone negli Stati Uniti abbiano CFS, anche se le stime suggeriscono che interessa circa 1 milione americani. Un altro fattore che rende la CFS difficile da diagnosticare è che la causa della condizione è sconosciuta. Nonostante gli anni di studio, i ricercatori non sono stati in grado di giungere a una conclusione definitiva su ciò che innesca la CFS, portando alcuni investigatori a suggerire che la condizione sia psicosomatica – vale a dire causata da ansia, stress o altri fattori psicologici.

Maureen Hanson, dei Dipartimenti di Biologia Molecolare e Genetica e Microbiologia di Cornell, e colleghi hanno appena pubblicato i risultati di un loro studio sulla rivista Microbiome. Essi affermano che i loro dati dimostrino come la CFS non è psicosomatica, dopo aver trovato che le persone con questa condizione hanno anomalie nel microbiota intestinale. Per raggiungere i loro risultati, i ricercatori hanno analizzato i campioni di sangue e sangue di 48 persone che erano stati diagnosticati con CFS, accanto ai campioni di 39 controlli sani. Rispetto ai campioni di feci dai controlli sani, i campioni dei pazienti CFS hanno mostrato una riduzione della diversità dei batteri, meno batteri antiinfiammatori e più batteri pro-infiammatori. Il gruppo osserva che tali anomalie nei batteri intestinali sono spesso osservate nei campioni di feci di pazienti con malattia di Crohn e colite ulcerosa, che sono malattie infiammatorie intestinali.

================

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che i campioni di sangue dei pazienti con CFS contenevano marcatori di flogosi, probabilmente il risultato di batteri che entrano nel sangue a causa di un intestino permeabile, che è stato innescato da problemi intestinali e da infiammazione cronica. Quando questi batteri entrano nel sangue, si può scatenare una risposta immunitaria che potrebbe esacerbare i sintomi di CFS. Utilizzando le loro informazioni, i ricercatori hanno scoperto che si potrebbe diagnosticare correttamente la CFS nell'83% dei pazienti, un risultato che potrebbe aprire la strada a nuovi metodi diagnostici e di trattamento per la condizione.

Il primo autore dello studio, Dr. Ludovic Giloteaux, commenta ancora: "In futuro potremmo vedere questa tecnica come complemento ad altre diagnosi non invasive, ma se abbiamo un'idea migliore di ciò che succede con questi pazienti e la loro flora intestinale, forse i medici potrebbero prendere in considerazione la modifica delle diete, utilizzando pre-biotici (come le fibre dietetiche) o probiotici veri per aiutare a curare la malattia". Il team dichiara che non sono in grado di determinare se l'alterata composizione batterica sia una causa di CFS o un risultato della condizione, e questo è qualcosa che intendono indagare negli studi futuri. Il loro lavoro dimostra che il microbiota intestinale nei pazienti CFS non è normale, e forse porta a sintomi gastrointestinali e infiammatori in chi è affetto dalla malattia.

Ma la svolta decisiva è che c'è la prova di un'anomalia biologica contro il concetto ridicolo che la malattia è di origine psicologica o psico-somatica. Invero una prima ipotesi sulla natura extra-cerebrale riguardo alla CFS era stata formulata nel 2015, quando è partito uno studio pilota sulla realzione fra qualità del sonno e composizione della flora batterica intestinale. In parallelo, un altro gruppo di Autori stava studiando la genesi della malattia a causa del trasferimento di batteri nel sangue di pazienti affetti dalla malattia. Il plasma di questi pazienti aveva elevati livelli di citochine (IL-1, TNF-alfa) e segni di autoimmunità contro il mediatore serotonina. In parallelo la concentrazione di batteri Firmicutes era più alta, mentre quella dei Bacteroides era più bassa, e gli Actinobacteria fecali erano sbilanciati.

Sempre maggiori sorprese dunque dal nostro stesso organismo. A smentire coloro che affermano che tutto quello che c'era da scoprire è stato scoperto….

 

BIbliografia specifica
Giloteaux L et al. Microbiome. 2016 Jun 23; 4(1):30.
Giloteaux L et al. Am J Case Rep. 2016; 17:720-729.
Morris G et al. Curr Pharm Des. 2016; 22(40):6058-75.
Wallis A et al. J Transl Med. 2017 Jun 7; 15(1):129.
Nagy-Szakal D et al. Microbiome. 2017 Apr 26; 5(1):44.
Navaneetharaja N et al. J Clin Med. 2016 Jun 6; 5(6).
Slyepchenko A. et al. Psychother Psychosom. 2017; 86(1):31-46.
Jackson ML et al. Sleep Sci. 2015 Nov; 8(3):124-33.
Shukla SK et al. PLoS One. 2015; 10(12):e0145453.