info@salutesicilia.com

Nuovo gene coinvolto nell’obesità: colpevole o spettatore?

Una quantità crescente di studi sta contribuendo a rimuovere lo stigma sociale che circonda l'obesità, indicando come cause potenziali gli ormoni che controllano l'appetito o anche le cellule cerebrali. Alcuni studi stanno anche indicando mutazioni genetiche come potenziali colpevoli per la condizione. E’ già noto da molto tempo che difetti genetici a carico dell’ormone leptina, possono determinare la comparsa di forme di obesità relativamente pure. Ad esempio, Medical News Today ha recentemente riportato uno studio in cui i topi hanno guadagnato peso senza mangiare di più a causa di una determinata variante genetica. Ciò ha fatto sì che i ricercatori facessero riferimento al fenomeno come "obesità senza difetti". Un altro studio precedente – condotto dal Prof. Philippe Froguel, che è presidente della medicina genomica all'Imperial College di Londra (ICL) nel Regno Unito – ha rilevato che le varianti in tre geni rappresentavano il 30% dei casi di grave obesità identificati in una popolazione pakistana.

Lo stesso team di ricercatori della ICL ha ora scelto di concentrarsi su un gruppo di bambini pakistani con obesità estrema da famiglie consanguinee, o quelli che discendono dallo stesso antenato, nel tentativo di individuare una specifica mutazione genetica. Come spiegano gli Autori, le cosiddette mutazioni recessive sono responsabili del legame tra obesità e geni. L'ereditarietà recessiva si verifica quando entrambe le copie del gene – cioè da entrambi i genitori – hanno la mutazione, e questo è più probabile che si verifichino quando i genitori di un bambino sono strettamente correlati. Quindi, il Prof. Froguel e colleghi hanno usato il sequenziamento del genoma nei bambini pakistani, perché le persone in questa regione hanno maggiori probabilità di formare matrimoni consanguinei, e i bambini risultanti hanno maggiori probabilità di avere mutazioni recessive.

Il nuovo studio, che è stato recentemente pubblicato sulla rivista Nature Genetics, suggerisce che le mutazioni in un gene chiamato adenilato ciclasi 3 (ADCY3) portano all'obesità. Secondo gli autori, le mutazioni in questo gene – che è normalmente responsabile della codifica della proteina con lo stesso nome – causano cambiamenti nelle funzioni come la regolazione dell'appetito e il senso olfattivo. Come spiega il Prof. Froguel, "I primi studi sui topi testati con ADCY3 allevati per mancare di quel gene, hanno scoperto che questi animali erano obesi e mancavano anche della capacità di annusare, nota come anosmia." Come previsto, hanno trovato la stessa mutazione ADCY3 nei bambini. Inoltre, come spiega il Prof. Froguel, "Quando abbiamo testato i nostri pazienti, abbiamo scoperto che avevano anche anosmia, mostrando di nuovo un collegamento con le mutazioni in ADCY3".

Inoltre, utilizzando il sito Web GeneMatcher, il Prof. Froguel e colleghi hanno trovato un altro paziente – questa volta di discendenza europeo-americana – che aveva ereditato diverse mutazioni di ADCY3 da entrambi i genitori e che aveva anche l'obesità. Insieme, gli autori dello studio concludono: "Questi risultati evidenziano ADCY3 come un importante mediatore dell'omeostasi energetica e un obiettivo farmacologico attraente nel trattamento dell'obesità. Questa non è sempre gola, come spesso dichiarato, e riteniamo che dovremmo avere una prospettiva positiva considerando i nuovi trattamenti che stanno emergendo e diventando possibili”.

Un modo per tranquillizzare chi demonizza le calorie. Ma meglio non adagiarsi.

– a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, Medico specialista in Biochimica Clinica.