info@salutesicilia.com

Corso 50 crediti | Le Nuove Sfide Sanitarie Globali

Le Nuove Sfide Sanitarie Globali

Infezioni batteriche, virali e parassitarie che diventano resistenti al trattamento. Quali traguardi raggiunti e quali prospettive.

CREDITI ECM 50 | COSTO €. 50,00 IVA INCLUSA

DATA INIZIO: 01 GENNAIO 2021
DATA FINE: 31 DICEMBRE 2021

ISCRIZIONI CHIUSE PER RAGGIUNGIMENTO POSTI DISPONIBILI

RAZIONALE

Nel 2017, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha ufficialmente pubblicato un elenco di agenti patogeni prioritari resistenti agli antibiotici, agenti che presentano una grande minaccia per l’uomo e ai quali sono urgentemente necessari nuove opzioni. Tale elenco è classificato in base all’urgenza della necessità di nuovi antibiotici come priorità critica, alta e media, al fine di guidare e promuovere la ricerca e lo sviluppo di nuovi antibiotici. La maggior parte dell’elenco dell’OMS sono patogeni batterici Gram-negativi. A causa della loro struttura distintiva, i batteri Gram-negativi sono più resistenti dei batteri Gram-positivi e causano morbilità e mortalità significative in tutto il mondo. La resistenza antimicrobica è ufficialmente considerata dai sistemi sanitari internazionali una crisi sanitaria globale più che una minaccia.

Sono state segnalate diverse strategie per combattere e controllare i batteri Gram-negativi resistenti, come lo sviluppo di agenti ausiliari antimicrobici, la modifica strutturale degli antibiotici esistenti e la ricerca e lo studio di strutture chimiche con nuovi meccanismi d’azione. Sono contemplati, altresì, nuovi targets molecolari che sono specifici per i microrganismi e che potrebbero portare allo sviluppo di molecole quasi per nulla tossiche per gli esseri umani. Sono stati compiuti sforzi di ricerca per soddisfare l’urgente necessità di nuovi trattamenti; alcuni sono riusciti a cedere attività contro i batteri Gram-negativi resistenti, come gli inibitori innovativi della β-lattamasi. Un’altra tendenza promettente è stata quella di riferirsi alla natura per sviluppare agenti di derivazione naturale con attività antibatterica su nuovi bersagli come i polifenoli, i complessi metallici e gli agenti “anti-quorum sensing”.

Ma i batteri non sono gli unici nemici. I virus sono responsabili di più di un centinaio di malattie infettive per l’uomo. Fortunatamente, buona parte di esse non sono letali e alcune di esse sono conosciute da millenni presentandosi come esantemi transitori, altre come diarree, altre ancora come febbri simili alla sindrome da raffreddamento. Le conoscenze di biologia, biochimica, infettivologia ed epidemiologia che oggi l’uomo ha raggiunto gli permettono di fronteggiare buona parte di essere. Basta pensare allo sviluppo di vaccini per comuni esantemi come morbillo, varicella, rosolia e similari, per i quali la vaccinazione preventiva ha rappresentato un traguardo della sanità pubblica nel ventesimo secolo. Eppure sono molte le malattie virali per le quali non ci sono vaccinazioni disponibili e spesso neppure farmaci dedicati.

Peggio ancora, non ve ne sono neppure per alcune di esse potenzialmente letali, sebbene ogni anno nel mondo se ne registrino scoppi epidemici o regioni nelle quali esse diventano endemiche. Alcune malattie virali oggi, infatti, sono prettamente endemiche in certe regioni del globo e rappresentano una sfida alla sanità pubblica. Per altre, invece, se ne registra periodicamente un’esplosione epidemica come quella del virus Zika nel 2016. E, infine non possono essere tralasciate le infezioni parassitarie che mietono ogni anno nel mondo centinaia di migliaia di vittime, come la malaria o la tripanosomiasi. La ricerca farmacologica per esse è il perno del trattamento dato che, sino ad oggi, non si è stati in grado di sviluppare un vaccino per la complessità biologica dei loro agenti eziologici.

Il corso corrente tenterà di coprire ogni argomento il più esaustivamente possibile, articolandosi in specifiche sezioni dedicate all’analisi delle radici delle infezioni più importanti in questione e le strategie atte a contrastarle.

INFORMAZIONI

OBIETTIVI FORMATIVI E AREA FORMATIVA: Epidemiologia – prevenzione e promozione della salute – diagnostica –tossicologia con acquisizione di nozioni di sistema

TIPOLOGIA: FAD con tutoraggio. I partecipanti saranno assistiti da un tutor offline. I partecipanti potranno inviare richieste di approfondimento tramite apposito form contatti.

PIATTAFORMA FAD: www.qlearning.it

CREDITI FORMATIVI: 50,0 Id Evento: 2007- 311396 Ed. 1

PROVIDER ECM: Qiblì Srl – iscritto presso il Ministero della Salute al n. 2007

DESTINATARI DELL’ATTIVITA’ FORMATIVA: Tutte le Professioni Sanitarie

VALUTAZIONE DELL’APPRENDIMENTO E ATTESTATI:

La verifica dell’apprendimento avverrà tramite un test con domande randomizzate a risposta multipla di cui una soltanto corretta. I crediti ECM verranno erogati solo al raggiungimento del 75% di risposte esatte. I crediti ECM erogati dai corsi FAD di Qiblì sono validi da subito su tutto il territorio nazionale. L’attestato ECM èscaricabile immediatamente dopo aver compilato il test della qualità percepita.

ISCRIZIONI E PAGAMENTO QUOTE:

Le iscrizioni si effettuano online collegandosi sul sito www.salutesicilia.com e compilando il form di adesione, dietro pagamento anticipato della quota di iscrizione pari ad €. 50,00 (IVA inclusa).

Il versamento della quota di iscrizione potrà avvenire tramite PAYPAL, CARTA DI CREDITO o in alternativa con BONIFICO BANCARIO alle seguenti coordinate:

BANCA: Credito Emiliano – AG.2 – Catania

IBAN: IT85 V030 3216 9000 1000 0448 390

INTESTATO A: SALUTE SICILIA S.r.l.s

RESPONSABILE SCIENTIFICO: Dott. Gianfranco Cormaci – Laurea in Medicina e Chirurgia – Specialista in Biochimica Clinica – Dottorato in Neurobiologia.